Prevenzione e guarigione

Prevenzione e cura, una alternativa efficace

La prevenzione e la guarigione delle malattie oggi viene impostata prevalentemente su un approccio farmacologico.

Ma è il modo migliore?

I farmaci tendono a sostituirsi alle naturali funzioni dell’organismo.

Infatti il sistema immunitario normalmente è in grado di correggere gli squilibri, prima che degenerino nella malattia.

Quindi, molto spesso, è più intelligente aiutare l’organismo a compiere le sue normali funzioni, piuttosto che pretendere di sostituirsi ad esso con terapie farmacologiche.

La prevenzione e la guarigione delle malattie sarà più efficace e duratura.

Certo, le grandi aziende farmaceutiche non vi daranno mai un consiglio del genere… Se lo facessero, i loro favolosi guadagni sarebbero in grave pericolo.

I farmaci di sintesi, come è noto, presentano effetti collaterali. Quindi utilizzandoli, a fronte di un beneficio di breve durata, si creano squilibri che conducono a sviluppare nuove malattie.

Queste nuove malattie, a loro volta, richiederanno l’utilizzo di altri farmaci, e così si viene a creare un circolo vizioso negativo per la nostra salute, ma altamente remunerativo per le aziende farmaceutiche.

C’è una soluzione?

La risposta è decisamente affermativa.

La ricerca scientifica ha scoperto nuove strade attraverso le quali la prevenzione e la guarigione di moltissime malattie può avvenire con un uso moderato di farmaci, o in alcuni casi facendone a meno del tutto.

Bemer è leader di tale ricerca: da oltre venti anni studia a livello universitario gli effetti biologici positivi dei campi magnetici a bassissima intensità, che per tale motivo sono ottimamente tollerati da tutti.

Il video che vi propongo illustra una sintesi di questi studi, e dei loro risultati.

Nel mio libro troverete un buon assortimento degli studi scientifici a questo proposito; studi pubblicati da PubMed, il portale più autorevole degli studi in questo settore.

 

 

Articoli correlati

Salute e cultura: scopriamo i campi magnetici

Come ridurre il colesterolo

Pubblicato da marcoverdinelli

Fin da ragazzo mi sono interessato di elettronica. Un'estate andai in vacanza in montagna - si, in estate preferisco il fresco dell'altezza... - con gli amici; c'era una piscina riempita con l'acqua del locale torrente. Gelida. In quell'occasione mi venne una dolorosissima tallonite, che mi impedì di avvicinarmi a quell'acqua per tutto il tempo. Vi lascio immaginare l'arrabbiatura... Ma qui entra in gioco l'elettronica. Prima di partire, avevo visto il progetto di un apparecchio elettromedicale sulla rivista Nuova Elettronica. Tornato a casa, alzai il telefono e ordinai il kit. Lo montai, feci 20 giorni di applicazioni, e... Da allora sono passati oltre trent'anni, e non ho mai più avuto talloniti! Fu l'inizio di un grande amore... E oggi ho finalmente trovato un'azienda che ha sviluppato la ricerca scientifica nel settore, e propone apparecchi di uso semplicissimo che hanno un'efficacia grandemente superiore.

Rispondi