Crea sito

Patologie croniche: tre casi studio

patologie croniche

Patologie croniche di difficile trattamento

Mancuso M, Ghezzi V, Di Fede G (Milano)

Tratto dal 2° Convegno Medico SIBE del 2007

La terapia con campi magnetici è tradizionalmente usata per patologie ortopediche; negli ultimi anni alcuni studi ne hanno dimostrato l’utilità anche in altre patologie croniche, ed in particolare quelle di pertinenza neurologica.

Nel nostro Istituto dal 2001 il trattamento con campi elettromagnetici di bassa ed alta frequenza viene utilizzata singolarmente o in associazione con trattamenti farmacologici in varie situazioni.

Lo scopo della relazione è di illustrare tre casi clinici in cui la terapia con campi elettromagnetici a frequenza ultrabassa si è dimostrata efficace; la tecnologia utilizzata è la risonanza ciclotronica endogena.

Per tutti i casi lo schema terapeutico prevedeva 2 sedute alla settimana della durata di 30 minuti ciascuna per un totale di 12 sedute con una valutazione clinica a metà trattamento.

Primo caso

Uomo di 41 anni con diagnosi radiologica di sclerosi multipla (luglio 2003-lesioni all’encefalo e midollo spinale); gli esami evidenziarono alti valori di stress ossidativo.

Si tratta di una patologia cronica la cui sintomatologia consisteva in dolori in sede cervicale e lombare, e un moderato deficit motorio dell’arto inferiore destro.

Trattamento terapeutico: trattamento con prodotti antiossidanti e terapia con campi elettromagnetici con frequenza variabile da 10 a 30 Hz e intensità variabile tra 10 e 25 microTesla.

Al termine del trattamento si era verificato un significativo miglioramento dei sintomi.

La RM di controllo ha evidenziato una riduzione del numero e dimensioni delle lesioni attive.

Tale quadro si mantiene anche alla ultima RM (febbraio 2007)

Secondo caso

Donna di 23 anni con quadro radiologico di sclerosi multipla e lesioni encefaliche e midollari, con importanti deficit motori neurologici.

Gli esami evidenziarono alti livelli di stress ossidativo; la paziente era in cura con Interferone da un anno con malattia stabile.

Trattamento terapeutico: campi elettromagnetici con frequenza variabile tra 10 e 20 Hz e intensità variabile tra 20 e 30 microTesla; come terapia di supporto trattamento energico con prodotti antiossidanti.

L’ultima risonanza magnetica (dicembre 2006) ha mostrato una significativa riduzione delle lesioni ed in particolare modo di quelle midollari.

Terzo caso

Uomo di 70 anni con broncopneumopatia cronica severa (stadio III Gold) in cura da alcuni anni con broncodilatatori e steroidi e associata disfunzione sistodiastolica ventricolare sinistra.

I sintomi più evidenti erano la dispnea ed episodi continui di apnea notturna che limitavano molto la qualità di vita.

Dopo cinque sedute con campi elettromagnetici il paziente riferiva un notevole miglioramento della quantità e qualità del sonno e, seppure meno evidente, anche della dispnea.

La frequenza era di 40-45 Hz con una intensità tra 70 e 90 microTesla.

Alla fine del ciclo di terapia era ben evidente un miglioramento dei parametri respiratori ed anche della qualità di vita. La malattia era radiologicamente stabile.

Considerazioni

In tutti e tre i casi l’aggiunta di campi elettromagnetici al trattamento farmacologico ha evidenziato un miglioramento della qualità di vita con quadro radiologico di regressione in 2 casi e stabilità nel terzo.

In considerazione degli aspetti prognostici, psicologici e socioeconomici di queste patologie croniche a nostro avviso è un risultato importante.

Oltretutto il trattamento con campi elettromagnetici è stato ben tollerato e senza effetti collaterali.

Pertanto riteniamo che la terapia con campi elettromagnetici a frequenza ultrabassa possa rappresentare una valida opzione in associazione con altri presidi in una strategia terapeutica integrata.

Inoltre la possibilità di eseguire il trattamento a domicilio risulta particolarmente interessante.

Sono in corso ulteriori studi clinici controllati al fine di approfondire in maniera sempre più dettagliata gli aspetti concernenti i parametri tecnici, la sinergia con altre terapie e l’interazione con tessuti biologici.

Salute e cultura: scopriamo i campi magnetici

Gli effetti terapeutici dei campi magnetici ELF

Pubblicato da marcoverdinelli

Fin da ragazzo mi sono interessato di elettronica. Un'estate andai in vacanza in montagna - si, in estate preferisco il fresco dell'altezza... - con gli amici; c'era una piscina riempita con l'acqua del locale torrente. Gelida. In quell'occasione mi venne una dolorosissima tallonite, che mi impedì di avvicinarmi a quell'acqua per tutto il tempo. Vi lascio immaginare l'arrabbiatura... Ma qui entra in gioco l'elettronica. Prima di partire, avevo visto il progetto di un apparecchio elettromedicale sulla rivista Nuova Elettronica. Tornato a casa, alzai il telefono e ordinai il kit. Lo montai, feci 20 giorni di applicazioni, e... Da allora sono passati oltre trent'anni, e non ho mai più avuto talloniti! Fu l'inizio di un grande amore... E oggi ho finalmente trovato un'azienda che ha sviluppato la ricerca scientifica nel settore, e propone apparecchi di uso semplicissimo che hanno un'efficacia grandemente superiore.

Rispondi