Crea sito

Mascherine: utili o dannose?

Mascherine e ossigeno

Mascherine: utili o dannose?

La respirazione

Non è chiaro quali siano le basi scientifiche e cliniche per indossare le mascherine come strategia protettiva, dato che le queste limitano la respirazione, provocando ipossiemia (scarsità di ossigeno) e ipercapnia (eccesso di anidride carbonica), e aumentano il rischio di complicanze respiratorie, auto-contaminazione ed esacerbazione di condizioni croniche esistenti.

La respirazione è una delle funzioni fisiologiche più importanti per sostenere la vita e la salute. Il corpo umano richiede un apporto continuo e adeguato di ossigeno (O2) a tutti gli organi e cellule per il normale funzionamento e la sopravvivenza.

L’ ipossiemia cronica lieve o moderata , come ad esempio avviene con l’uso di maschere facciali, conduce a:

  • maggiore contributo del metabolismo energetico anaerobico,
  • diminuzione dei livelli di pH,
  • aumento delle cellule e dell’acidità del sangue,
  • tossicità,
  • stress ossidativo,
  • infiammazione cronica,
  • immunosoppressione,
  • deterioramento della salute.

Efficacia delle mascherine


Le proprietà fisiche delle mascherine mediche e non mediche suggeriscono che le maschere facciali sono inefficaci per bloccare le particelle virali a causa della loro differenza di scala [16], [17], [25].

Secondo le attuali conoscenze, il virus SARS-CoV-2 ha un diametro da 60 nm a 140 nm [nanometri (miliardesimo di metro)] [16], [17], mentre il diametro del filo delle maschere mediche e non mediche varia da 55 µm a 440 µm [micrometri (un milionesimo di metro), che è più di 1000 volte più grande [25].

A causa della differenza di dimensioni tra il diametro di SARS-CoV-2 e il diametro del filo della mascherina a facciale (il virus è 1000 volte più piccolo), SARS-CoV-2 può facilmente passare attraverso qualsiasi maschera facciale [25].

Inoltre, la velocità di filtrazione dell’efficienza delle maschere facciali è scarsa, che va dallo 0,7% in maschera tessuta non chirurgica in garza di cotone al 26% in materiale più dolce di cotone [2].

Per quanto riguarda le maschere mediche chirurgiche e N95, la velocità di filtrazione dell’efficienza scende al 15% e al 58%, rispettivamente quando esiste anche un piccolo spazio tra la maschera e il viso [25].

Evidenze scientifiche


L’evidenza scientifica clinica sfida ulteriormente l’efficacia delle mascherine facciali per bloccare la trasmissione o l’infettività da uomo a uomo.

Uno studio randomizzato controllato (RCT) di 246 partecipanti [123 (50%) sintomatici) ha assegnato ciascuno ad indossare o non indossare la maschera facciale chirurgica, valutando la trasmissione di virus incluso il coronavirus [26].

I risultati di questo studio hanno mostrato che tra gli individui sintomatici (quelli con febbre, tosse, mal di gola, naso che cola ect…) non c’era differenza tra indossare e non indossare la maschera facciale per la trasmissione di goccioline di coronavirus di particelle di >5 µm.

Tra gli individui asintomatici, non sono state rilevate goccioline o aerosol con coronavirus da qualsiasi partecipante con o senza la maschera, suggerendo che gli individui asintomatici non trasmettono o infettano altre persone [26].

Ciò è stato ulteriormente supportato da uno studio sull’infettività in cui 445 individui asintomatici sono stati esposti a portatori asintomatici di SARS-CoV-2 (risultati positivi per SARS-CoV-2) utilizzando uno stretto contatto (spazio di quarantena condiviso) per una mediana di 4-5 giorni.

Lo studio ha rilevato che nessuno dei 445 individui è stato infettato da SARS-CoV-2 confermato dalla polimerasi di trascrizione inversa in tempo reale [27].

Inoltre, l’OMS ha ripetutamente annunciato che ‘al momento, non ci sono prove dirette (da studi su COVID-19) sull’efficacia del mascheramento del viso di persone sane nella comunità per prevenire l’infezione di virus respiratori, incluso COVID-19’

Conseguenze delle mascherine

L’aria intrappolata che rimane tra la bocca, il naso e la maschera facciale viene respirata ripetutamente dentro e fuori il corpo, contenendo basse concentrazioni di O2 e alte concentrazioni di CO2, causando ipossiemia e ipercapnia [11-13,35,36].

Grave ipossiemia può anche provocare auto-diopolmonare e complicazioni neurologiche ed è considerato un segno clinico importante nella medicina cardiopolmonare [37-42].

Basso contenuto di ossigeno nel sangue arterioso può causare ischemia miocardica, aritmie gravi, destra o sinistra, disfunzione ventricolare, vertigini, ipotensione, sincope e ipertensione polmonare [43].

Ipossiemia cronica di basso grado e ipercapnia come risultato dell’uso di una maschera facciale può causare un’esacerbazione di condizioni cardiopolmonari, metaboliche, vascolari e neurologiche esistenti [37-42].

Oltre all’ipossia e all’ipercapnia, respirando attraverso la mascherina facciale rimangono componenti batteriche e germinali sullo strato interno ed esterno della maschera. Questi componenti tossici vengono ripetutamente respirati di nuovo.

L’ipossia è un fattore determinante anche nell’insorgenza del cancro, con il meccanismo illustrato in questo articolo.

Effetti psicologici delle mascherine

Psicologicamente, indossare una mascherina facciale ha fondamentalmente effetti negativi su chi la indossa e sulla persona vicina.

La connettività di base da uomo a uomo attraverso l’espressione del viso è compromessa e l’identità di sé è in qualche modo eliminata [47–49].

Questi movimenti disumanizzanti cancellano parzialmente l’unicità e l’individualità della persona che indossa la maschera oltre che della persona collegata [49].

Le connessioni e le relazioni sociali sono bisogni umani fondamentali, ereditati in modo innato in tutte le persone, mentre le connessioni ridotte da uomo a uomo sono associate a una cattiva salute mentale e fisica [50,51].

Nonostante l’escalation della tecnologia e della globalizzazione che presumibilmente favorirebbe le connessioni sociali, i risultati scientifici mostrano che le persone stanno diventando sempre più socialmente isolate e la prevalenza della solitudine è in aumento negli ultimi decenni [50,52].

Le scarse connessioni sociali sono strettamente correlate a isolamento e solitudine, considerati significativi fattori di rischio per la salute.

Conclusioni: mascherine si o no?

Le evidenze scientifiche esistenti mettono in discussione la sicurezza e l’efficacia di indossare una maschera facciale come intervento preventivo per COVID-19.

Le conseguenze a lungo termine dell’uso della maschera facciale possono arrivare ad essere deterioramento della salute, sviluppo e progressione di malattie croniche e morte prematura.

I governi, i responsabili politici e le organizzazioni sanitarie dovrebbero utilizzare un approccio appropriato e basato su prove scientifiche per quanto riguarda l’uso di maschere facciali, quando questo è considerato un intervento preventivo per la salute pubblica.

Fonte

masks_harm-2

Nota conclusiva

Ho recentemente iniziato a collaborare con un altro blog di qualità…

Articoli correlati

Lo stress ossidativo: meccanismo terapeutico degli ELF-EMF.

 

Salute e ambiente: quale correlazione?

Pubblicato da marcoverdinelli

Fin da ragazzo mi sono interessato di elettronica. Un'estate andai in vacanza in montagna - si, in estate preferisco il fresco dell'altezza... - con gli amici; c'era una piscina riempita con l'acqua del locale torrente. Gelida. In quell'occasione mi venne una dolorosissima tallonite, che mi impedì di avvicinarmi a quell'acqua per tutto il tempo. Vi lascio immaginare l'arrabbiatura... Ma qui entra in gioco l'elettronica. Prima di partire, avevo visto il progetto di un apparecchio elettromedicale sulla rivista Nuova Elettronica. Tornato a casa, alzai il telefono e ordinai il kit. Lo montai, feci 20 giorni di applicazioni, e... Da allora sono passati oltre trent'anni, e non ho mai più avuto talloniti! Fu l'inizio di un grande amore... E oggi ho finalmente trovato un'azienda che ha sviluppato la ricerca scientifica nel settore, e propone apparecchi di uso semplicissimo che hanno un'efficacia grandemente superiore.

Rispondi